I fili ininterrotti di Vincenzo Consolo Memoria, memoria, tanta memoria.

*
Paolo Di Stefano

Se c’è uno scrittore che ha passato tutta la sua vita a combattere sul fronte dell’impegno etico-civile e su quello della sperimentazione linguistica, questo è Vincenzo Consolo. «Il maggiore scrittore italiano della sua generazione» l’ha definito Cesare Segre, tenendo presente che la sua generazione è quella che viene dopo Sciascia, Pasolini, Volponi e Calvino, e cioè quella degli anni Trenta (Consolo è nato a Sant’Agata di Militello nel 1933 ed è morto a Milano nel 2012) che ha attraversato le turbolenze della neoavanguardia con totale simpatia o con totale disgusto. Consolo non si è allineato né con gli uni né con gli altri: grazie a un suo speciale e inesausto sperimentalismo, sempre in lotta contro la lingua del suo tempo e contro la lingua vittoriosa della storia; insofferente e pessimista rispetto alle magnifiche sorti agognate dalle ideologie progressiste. Arrivato a Milano negli anni 50 per studiare, attratto dalle sirene vittoriniane, Consolo abita fino alla fine nella metropoli lombarda (con crescente irritazione che culmina negli anni 90) ma non smette di tormentarsi sul destino della sua Sicilia. E anzi la sua narrativa rappresenta quasi programmaticamente (e ostinatamente) le varie fasi della storia sicula, dall’antichità greca (Le pietre di Pantalica) alla dominazione spagnola (Lunaria), al Settecento illuminista (Retablo), alla pessima realizzazione unitaria (Il sorriso dell’ignoto marinaio), all’irrazionalismo prefascista (Nottetempo, casa per casa), al secondo dopoguerra, fino alla contemporaneità della cronaca mafiosa (L’olivo e l’olivastro), comprese le «memorie degli innocenti sopraffatti dai delinquenti» (Lo spasimo di Palermo).

La scrittura di Consolo vive di molteplici paradossi, come non cessa di sottolineare Gianni Turchetta, curatore dello splendido Meridiano, coordinatore del convegno milanese e autore del saggio introduttivo delle «Carte raccontate», il fascicolo appena pubblicato dalla Fondazione Mondadori: «Per Consolo la “letteratura” è il luogo dove il linguaggio viene sospinto fino alle sue estreme possibilità, sottoposto a una pressione senza compromessi, con una tensione che è al tempo stesso formale e morale (…). D’altro canto, Consolo non smette di ricordare quanto le parole siano mancanti rispetto alla realtà». In questa contraddizione irresoluta è il tragico della narrativa di Consolo, che si rispecchia nel rigore tormentoso del lavoro materiale sul testo, dove ogni parola e ogni giro sintattico sono il risultato di scavi filologici e, si direbbe, archeologici, sprofondamenti negli strati della memoria storica, con le sue cicatrici, e della memoria linguistica. In un burrascoso incontro al Teatro Studio di Milano (un entusiasmante tutti contro tutti), organizzato nel marzo 2002 dalla Fondazione del Corriere, con Emilio Tadini, Tiziano Scarpa e Laura Pariani, Consolo disse: «Se stabiliamo che la letteratura è memoria – e la letteratura è memoria altrimenti sarebbe soltanto comunicazione cronistica, giornalismo – allora diventa anche memoria linguistica. Io credo che l’impegno di chi scrive sia quello di far emergere continuamente la memoria». Memoria è anche memoria linguistica: il che significa affidare alla letteratura il compito di resistere al linguaggio «fascistissimo» dell’omologazione. Una visione pasoliniana. Anche per questo è affascinante (e non di rado perturbante) seguire da vicino lo scrittore lungo le vie accidentate che conducono alla pubblicazione delle sue opere: attraverso cui si intuisce come «dato fondativo» della scrittura di Consolo quella che lo stesso Turchetta definisce «la ridiscussione e perfino l’aperta negazione della forma romanzo, in quanto portatrice di un’illusoria continuità narrativa, che mistifica la complessità del reale». E già a partire da La ferita dell’aprile (1963) – il sorprendente libro d’esordio che restituisce le lotte politiche del secondo dopoguerra narrate in prima persona dall’allievo di un istituto religioso di paese – si intravede uno sviluppo che porta dalle soluzioni più piane delle prime redazioni verso una crescente deformazione espressionistica e un arricchimento stilistico. Un processo che troverà una vera maturazione ne Il sorriso dell’ignoto marinaio, ambientato ai tempi della spedizione dei Mille e articolato su più livelli: il capolavoro del 1976 il cui titolo si deve a un misterioso ritratto d’uomo di Antonello da Messina (che per una felice coincidenza è in mostra in questi giorni nella rassegna di Palazzo Reale), un dipinto ricevuto in dono a Lipari dal protagonista, il barone di Mandralisca. Una gestazione sofferta (e fondata su una lunga preparazione documentaria) che procede per faticose fasi di scrittura e riscrittura, ripensamenti e blocchi che in quegli anni vennero superati grazie al sostegno della moglie Caterina Pilenga e alle sollecitazioni di amici fedeli come Corrado Stajano. E nel segno dell’amicizia è anche il lungo rapporto – di totale ammirazione – con il «maestro» Sciascia: ora testimoniato dalla corrispondenza (1963-1988), edita da Archinto a cura di Rosalba Galvagno. La preziosa biblioteca consoliana e l’archivio – con le varie redazioni dei romanzi e i rispettivi materiali di ricerca – sono stati affidati alla Fondazione Mondadori che negli ultimi due anni ha completato la catalogazione e la descrizione. Con un rigore e una passione che Consolo, principe di rigore e di passione, avrebbe certamente approvato.

Paolo Di Stefano
4 marzo 2019 (Corriere della Sera)

Un volume della Fondazione Mondadori curato da Gianni Turchetta e un epistolario
edito da Archinto. E a Milano il 6 e 7 marzo un convegno sullo scrittore

Il volume «E questa storia che m’intestardo a scrivere. Vincenzo Consolo e il dovere della scrittura», a cura di Gianni Turchetta, nella collana «Carte raccontate» (Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori, pp. 52, euro 12, disponibile dal 6 marzo)
Il volume «Essere o no scrittore. Lettere 1963-1988», di Vincenzo Consolo e Leonardo Sciascia (Archinto, pp. 84, euro 14)

Le parole ( non sono) pietre

1899523_10205793313102256_2148515537667228216_o

 Giovedì 24 marzo alle ore 21

Le parole (non sono) pietre

Viaggio nella scrittura di Vincenzo Consolo

Gianni Turchetta 

dialoga con Paolo Di Stefano

 Letture di Rosario Lisma

  L’iniziativa è realizzata in occasione della pubblicazione de L’opera completa di Vincenzo Consolo nella collana I Meridiani di Mondadori a cura di Gianni Turchetta.

Con il patrocinio del Dipartimento di Scienze della Mediazione Linguistica

e di Studi Interculturali dell’Università degli Studi di Milano.

Biglietto TFP cortesia € 3,50

Informazioni e prenotazioni

Teatro Franco Parenti, via Pier Lombardo 14 – Milano

biglietteria@teatrofrancoparenti.it; tel. 02. 59995206

Consolo, disperazione in Sicilia

Consolo, disperazione in Sicilia

viaggio, reportage, discesa agli inferi: esce ” l’ olivo e l’ olivastro ” (Mondadori) . cosi’ lo scrittore racconta il suo ritorno a casa. brano su Gibellina dal libro

– L’ INTERVISTA Viaggio, reportage, discesa agli inferi: esce “L’ olivo e l’ olivastro”. Cosi’ lo scrittore racconta il suo ritorno a casa TITOLO: Consolo, disperazione in Sicilia L’ emigrazione, i terremoti, lo sfascio del paesaggio la violenza, la corruzione delle coscienze: “La mia letteratura? La trovo tra Verga e Vittorini”  “E’ un risentimento profondo, non so se chiamarlo odio. L’ odio, in fondo, e’ furore per un amore tradito, per un’ offesa, ha la stessa intensita’ dell’ amore: se si arriva all’ odio significa che si ama tantissimo”. L’ olivo e l’ olivastro e’ il titolo del prossimo libro di Vincenzo Consolo. E sin dal titolo si rivela quell’ accostamento di opposti che da’ forma a tutto il “romanzo”: amore e odio, appunto, dolcezza e atrocita’ , fuga e desiderio di ritorno, passione e violenza, umanesimo e irrazionalita’ , lussureggiante bellezza e disfacimento. Insomma, olivo e olivastro. Romanzo? Forse. Ma anche diario di viaggio in diciassette capitoli, anche reportage, anche pamphlet, leggenda, invettiva, poesia, persino saggio. Racconto: per esempio, nel capitolo dedicato al breve e disperato soggiorno di Caravaggio a Siracusa. Memoria: nelle bellissime pagine in cui si rievoca la madre ormai incapace di riconoscere il figlio. Un libro ad albero, dal cui tronco spuntano rami nervosi, rami spogli, rami frondosi e mobili. Olivo e olivastro: nati da un unico ceppo e indissolubilmente intrecciati tra loro, come nel cespuglio sotto cui Ulisse si nascose appena giunto nell’ isola di Scheria, abitata dai Feaci. “L’ immagine dell’ olivo e dell’ olivastro . dice Consolo . compare nell’ Odissea, quando l’ eroe e’ al massimo della degradazione umana: ferito, nudo, solo. Omero dice che da uno stesso arbusto vengono fuori rami d’ olivo e d’ olivastro. E’ una specie di indicazione di quel che Ulisse si era lasciato alle spalle e di quel che lo aspettava nel futuro: da una parte la natura malvagia e minacciosa, il selvatico, il bestiale; dall’ altra il coltivato, l’ umano, l’ armonia. Infatti, arrivato nell’ isola dei Feaci, Ulisse trovera’ una citta’ molto alta, un’ utopia, un modello di perfezione. Ulisse poteva rimanere li’ , in quel regno beato, ma sente l’ urgenza della realta’ e della storia, la necessita’ di tornare a Itaca”. Urgenza del ritorno, urgenza della memoria: “Anche per me e’ un desiderio che brucia, . dice Consolo . e quando torno provo molto dolore e pochissimo conforto, tutto mi pare omologato nel male, nella perdita. Io ho sentito l’ esigenza di raccontare il disastro”. Niente giornalismo, pero’ , tiene a precisare Consolo: “La differenza tra giornalismo e letteratura e’ che la letteratura lavora con la memoria”. E viene in mente la polemica aperta recentemente da Bocca. “Lo scrittore, attraverso la memoria, riesce a dare spessore al presente”. Un viaggio nell’ isola delle meraviglie e della barbarie, ma un viaggio universale, nello strazio della nostra civilta’ . A Milazzo, dove accanto allo stabilimento esploso, alle canne fumarie delle industrie, ai morti carbonizzati, cresce il gelsomino delicato. A Siracusa, dove nella dissoluzione urbanistica si rimane inebriati dal profumo intenso del basilico. Il viaggiatore, come Ulisse che cerca la sua Itaca, non riconosce piu’ la sua terra. Ovunque trova desolazione: a Gela, a Catania, a Palermo, a Ortigia. Non riconosce piu’ il barocco di Noto, un tempo rigoglioso, vede Cefalu’ , Trapani, Segesta devastate dai terremoti, si inoltra nell’ inferno di acidi e diossine che esalano dalle raffinerie di Melilli. Torna a Trezza, il paese dei Malavoglia. Parte da Gibellina e la ritrova irrimediabilmente deformata. “Cos’ e’ successo, dio mio, cos’ e’ successo?”, si chiede con rabbia. Viaggio agli inferi. “Credo che la letteratura siciliana . dice Consolo . sia letteratura della stasi. Il piu’ statico e’ il mondo verghiano, dominato dal fato. Quello che ha cercato di rompere il cerchio della fatalita’ e della condanna e’ stato Pirandello, attraverso la dialettica e il ragionamento: ma trasferiva la chiusura del mondo contadino e marinaro in un’ altra chiusura, piccolo borghese: e’ quella che Macchia ha chiamato la camera della tortura. Poi Vittorini, con Conversazione in Sicilia, ha portato il viaggio nella letteratura siciliana. Io oscillo tra questi due opposti. Ma l’ esigenza di muoversi o di star fermi dipende anche dalle speranze che si nutrono nella storia. Questo e’ un libro di grande disperazione, anche se ci sono qua e la’ piccoli barlumi di sopravvivenza”. E poi il libro di Consolo ci parla di letteratura: si apre con una dichiarazione di apparente sfiducia: “Ora non puo’ narrare”. Come, non puo’ narrare? “Nel libro . dice Consolo . viene agitato il tema dell’ afasia. Ci sono momenti in cui la disperazione e’ tale che non trovi piu’ interlocutori e ti viene voglia di chiuderti. Ci sono due tipi di afasia: quella del potere, che per definizione non vuole comunicare, e quella dell’ artista che si oppone a questo potere. Per narrare bisogna essere angeli, messaggeri, avere degli interlocutori in cui trovare comprensione. Se viene meno questa speranza, lo scrittore rischia l’ afasia: basta pensare a Empedocle, a Ezra Pound, a Holderlin”. E c’ e’ l’ afasia del vecchio Verga, raccontata in un capitolo del libro. Eccolo, l’ autore dei Malavoglia, al suo ottantesimo compleanno, chiuso nel suo soliloquio, nell’ amarezza dell’ incomprensione, insensibile ai festeggiamenti e muto persino davanti a Pirandello chiamato a celebrarne ufficialmente la grandezza: “Verga ha subi’ to una grave ingiustizia. E’ l’ ingiustizia perpetrata ogni volta nei confronti degli scrittori che non adottano il codice linguistico imperante. Io ho voluto narrare il momento del suo risentimento e della sua ritrazione. Fu preso per un traditore, perche’ fino a un certo punto abbandono’ il linguaggio mondano, assolutamente comunicabile, che piaceva tanto nei salotti nobili milanesi. Quando riscopre la memoria, sceglie una lingua intraducibile ma di estrema verita’ e poesia: a quel punto non viene piu’ capito”. Dalla parte di Verga, della sua lingua, una scelta che oltrepassa la superficie formale e che affonda nelle profondita’ della narrazione. Come le esplosioni barocche di Consolo, che da sempre bruciano nel corpo del suo racconto: “In una lettera, Calvino scriveva a Sciascia: io sento che tu raffreni la matrice barocca che c’ e’ dentro la tua scrittura… Forse Sciascia aveva paura di sconfinare. Sono convinto che qualsiasi scrittore periferico sia spinto verso l’ uso di un linguaggio eccentrico. Sciascia diceva che era un cultore del pensiero e che non sapeva pensare in dialetto. In me c’ e’ questo bisogno, forse perche’ sono nato alla confluenza tra due mondi antitetici: la Sicilia orientale, contrassegnata dalla presenza della natura, dell’ Etna, dei terremoti e quindi portata al lirismo; e la Sicilia occidentale, piu’ razionalistica, attratta dallo storicismo. Ecco, io vorrei essere un illuminista ma la mia scrittura mi porta irresistibilmente verso il barocco. Vivo in continua oscillazione tra questi due poli”. L’ olivo e l’ olivastro.

Titolo: Gibellina: un sudario di calce

– Da “L’ olivo e l’ olivastro” di Vincenzo Consolo (Mondadori, pagine 149, lire 27.000) anticipiamo il brano su Gibellina.Nel nudo, nel crudo terreno, nella desolata vaghezza, nella memoria dissolta, nell’ estraneita’ , nell’ assenza, sorge l’ arroganza, l’ offesa, il teatro di marmo, di cemento, di bronzo, sorge alto sopra l’ asfalto il fiore stridente, la stella texana, la porta per la fiera del vuoto, per la citta’ metafisica. Di larghe strade, di rampe, di scale, di spalti, portici, logge, vaste piazze, anfiteatri deserti, folgorati dal sole, tagliati dall’ ombra, di cubi, sfere, coni, cilindri, giardini di pietra, ghirigori di ferro, porte di marmo, cancelli, cerchi, ellissi, frecce, rombi, triangoli, sibillini alfabeti, il sarcasmo della reliquia innestata del frammento, l’ arco il portale il timpano infranto. L’ ombra alle spalle e il rimbombo sopra le lastre, fra le astratte sculture imponenti, le architetture della citta’ costruita dai proci, il labirinto dello spaesamento, della squadra, del compasso, dello scoramento, della malinconia, dell’ ansia perenne (…). Ora tu, eroe sconfitto, vieni fuori da una casa del nuovo paese, cammini sulla strada deserta, ti guardi intorno smarrito. Io t’ incontro, ti chiedo. “Sono nato a Gibellina, di anni ventitre’ …”, rispondi. “Che dico?… Mi chiamo Nicola, sono nato a Gibellina, ho lavorato nelle cave di Meirengen, vicino Basilea. Ho la’ moglie, figli che non vogliono piu’ tornare in questo paese”. “Ti riconosco, Nicola, e son passati tanti anni, sei incanutito… T’ ho incontrato alla stazione di Milano…”. “Anch’ io ti riconosco, e sei vecchio, hai una faccia diversa… Vorrei rivedere l’ altro paese”. Andiamo per quella campagna brulla, di radi alberi, di rocce, di stoppie, di palme solitarie. Arriviamo al colle, ai ruderi spianati e coperti da un’ immensa colata di cemento, da una coltre bianca, da un sudario di calce. “Non so dov’ era la mia casa, dov’ era il castello, la piazza, la chiesa…”, lamenta Nicola.

 Paolo Di Stefano, Consolo Vincenzo

(3 settembre 1994) – Corriere della Sera
coverPRESENTAZIONE5_zps3206f9f0