Comunicazione costituzione dell’Associazione Amici di Vincenzo Consolo

scansione0007

 

Milano,  2017

Caro/a amico/a,

siamo lieti di parteciparti che è stata costituita a Milano, per iniziativa di Caterina Pilenga, l’Associazione Amici di Vincenzo Consolo, ente senza scopo di lucro che si propone di diffondere la conoscenza dell’opera di Vincenzo Consolo (scomparso nel gennaio 2012) e di custodirne la memoria anche con la promozione di attività e di eventi culturali.

Sono soci fondatori dell’Associazione, insieme alla vedova dello scrittore (che la presiede), Ambrogio Borsani, Paolo Di Stefano, Claudio Masetta Milone, Annamaria Murdocca, Giuseppe Oddo e Lorenzo Pilenga.

L’Associazione vigila e collabora alla valorizzazione dell’archivio e della biblioteca di Vincenzo Consolo dati in deposito da Caterina Pilenga alla Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori con una convenzione ventennale stipulata nel luglio 2015, valida fino al 2035.

La Fondazione, con cui l’Associazione ha sottoscritto un accordo di collaborazione, sta completando la selezione, la raccolta e la catalogazione dei libri e del materiale d’archivio.

L’archivio sarà poi digitalizzato e consultabile, a richiesta degli studiosi e degli esperti, nei locali della Fondazione, via Riccione 8, Milano (tel. 02.39273061).

Sperando che la nostra iniziativa possa incontrare il tuo favore ed il tuo sostegno, ti segnaliamo che la quota annua di iscrizione all’Associazione Amici di Vincenzo Consolo è di 25 euro che potranno essere versati sul conto corrente postale dell’Associazione, codice IBAN IT 66 E 07601 01600 001032696112.

I saluti più sinceri e cordiali.

                                                         Caterina Adelaide Pilenga

                                                                        (Presidente)

Associazione Amici di Vincenzo Consolo
Corso Plebisciti, 9
20129 MILANO

*

Lettera per “Casa letteraria” di Sant’Agata Militello

Care amiche, cari amici,

penso che alcuni di voi non siano informati sullo scopo e le attività della “Casa

letteraria” inaugurata a Sant’Agata di Militello il 18.2.2017 in ricordo di Vincenzo

Consolo.

Il Comune aveva offerto a Vincenzo uno spazio all’interno del castello Gallego (1600)

per custodire e conservare la sua biblioteca siciliana composta da circa 2000 volumi.

La Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori con la quale ho stipulato nel 2015 una

convenzione ventennale, rinnovabile, non ha potuto accettare gli oggetti costituenti

una raccolta di ceramiche, medaglie, ex voto, ecc.

Nell’impossibilità di radunare e tenere insieme anche le sue piccole ed eterogenee

raccolte, i soci fondatori dell’Associazione “Amici di Vincenzo Consolo” hanno deciso di

destinarle alla Casa letteraria” di Sant ‘Agata al fine di non disperdere quanto

Vincenzo aveva raccolto nei suoi viaggi .

La casa letteraria di Sant’Agata non sarà quindi, solo un luogo dove consultare i

testi che furono oggetto di studio e di riflessione di Vincenzo , ma anche l’occasione di

uno sguardo più ampio sull’intellettuale e sull’uomo.

I soci fondatori dell’Associazione “Amici di Vincenzo Consolo”

Ambrogio Borsani, Paolo Di Stefano, Giuseppe Oddo, Claudio Masetta Milone,

Annamaria Murdocca , Caterina Pilenga, Lorenzo Pilenga,

Milano, 18.2.2017

Su Vincenzo Consolo, orafo della parola

*

Nell’età della diffusione epidemica della graforrea sia tra i professionisti della pagina scritta che tra i dilettanti, non si può non andare con il ricordo e con il rimpianto a Vincenzo Consolo: orafo della parola. La penna dello scrittore siciliano era fresa e lima diamantata, bulino e bilancino, origine di sbalzo e cesello. Chi scrive ha avuto il piacere di conoscere Vincenzo e la dolcissima Caterina nei primi anni 90 del secolo scorso quando, con moglie e figlio, andò a trovarlo nella casa accogliente di Sant’Agata di Militello. Avevo fissato l’appuntamento attraverso un comune conoscente e andai per presentare un progetto sul suo ultimo – a quel tempo – romanzo: Retablo. Ancora mi commuovo al pensiero dell’accoglienza che Vincenzo riservò a noi tre sconosciuti; alla sua attenzione verso il nostro piccolo bambino; alla sua cura al momento della nostra ripartenza per Catania. Tanto era il suo pensiero per l’ora tarda e la probabile stanchezza del guidatore che ci invitò persino a trattenerci da lui per la notte.

Qualche anno dopo, su commissione del Teatro Stabile di Catania, avrebbe scritto un atto unico teatrale su Empedocle, “Catarsi”, e nel delineare il personaggio di Pausania mi disse di essersi ispirato a me, anzi di averlo scritto pensando che fossi chiamato io ad interpretarlo. Non aveva fatto i conti con le dinamiche del teatro e con i suoi tradimenti.

L’ultimo ricordo che ho del mio amico – mi perdoni, Vincenzo, ma il mio cuore la vuole chiamare così – risale ad un pomeriggio trascorso in casa di una prostituta ad Agrigento. Eravamo in quattro e il nostro ospite sapeva dell’amore di Consolo per la marginalità del mondo e della storia. Così ci portò a prendere un caffè da Pina, storica donnina della città dei templi. Con lei all’asse da stiro e noi seduti alla cerata unta e per ciò dai colori vivissimi su un tavolo scazonte, l’odore dalla caffettiera gorgogliante si espandeva nell’aria della piccola stanza umida. Ricordo gli occhi, anch’essi umidi, per la tenerezza che Vincenzo sicuramente provava per la storia che quella donna ci raccontava; così lontana dai lustrini e dalla sensualità che il suo ruolo sulla strada le avrebbe dovuto imporre. L’amore di Vincenzo per i margini, dicevo, diventava pudore infrangibile di fronte alla parola scritta; mai, a memoria mia, nelle sue opere, alcun margine è stato violato; mai l’interesse per il successo lo ha portato ad utilizzare anime e corpi verso cui vera era la sua cumpassione. Vincenzo non era uno scrittore di fiera, di mercato, di ‘bbanniata. Certo era un suo cruccio il non riuscire ad affidare all’inchiostro un solo segno che non fosse frutto di complessi processi creativi. Anche a me una volta confidò la sua meraviglia, non certo positiva, verso gli scrittori che producevano libri come… graforrea, appunto.

Leggere Consolo è come vivere la sequenza dell’immersione ne L’Atalante; è un fluttuare armonioso nella trama avvolgente del racconto; è un viaggiare sensuale fra le turgide pieghe e le morbide crespe della parola.

“Perché viaggiamo, perché veniamo fino in quest’isola remota, marginale? […] la causa vera è lo scontento del tempo che viviamo, della nostra vita, di noi, e il bisogno di staccarsene, morirne, e vivere nel sogno.”

Buon viaggio, allora, e ad meliora, amico mio.

FD

” La Luna ” brani di Vincenzo Consolo

scansione0003
*
Quand’ecco all’improvviso distaccasi la Luna, rotola sul profilo del Grifone, Gibilrossa, Bellolampo, scivola sui merli delle torri, le curve delle cupole, le guglie, le banderuole in cima ai campanili, e s’appressa crescendo a dismisura, fino che viene ad adagiarsi nel giardino sopra i bastioni, tra le palme e le voliere, grande come il rosone d’una chiesa, e vomita scintille dal suo corpo.

(Lunaria)

In quel modo si spegne a poco a poco, annerando, mentre pigolano gli uccelli e passiscon sfrigolando i gelsomini, le pomelie, le aiole d’erbe, di fiori senza nome. Allora, guardando il cielo, vedo, dove lei s’era divelta, un’orma, una nicchia, un vano nero che m’attrae e dona nel contempo le vertigini…

(Lunaria)

… il cielo si schiariva, le stelle si spegnevano, sparivano, e la luna di tre quarti, perdeva la sua luce, impallidiva, si faceva di carta matta, una velina.

Appariva, di là della vallata, di là del Dessuèri e del Dittàino, di là d’Adrano, Jùdica e Centùripe, contro un cielo viola e lucescente, la cima innevata e il fumo del vulcano.

(Le pietre di Pantalica)

… supino, guardavo il cielo che da mosso si faceva violaceo e s’incupiva man mano.

Apparve una falce di luna, e mi tornarono in mente, chissà perché, a me che non ho mai amato il melodramma, le dolcissime note belliniane e le parole della preghiera di Norma: “Casta Diva, che inargenti ….”

(Le pietre di Pantalica)

Sorgeva l’algente luna in quintadecima e rivelava il mondo, gli scogli tempestosi e il mare alla Calura, stagliava le chiome argentee, i tronchi degli ulivi.

Sopra la collina Santa Barbara, in cima, sul declivio, per la pianura breve, contro la vaga luce mercuriale, parevan sradicarsi, muover dondolando, in tentativo di danza, in mutolo corteo, aspri, rugosi, piagati dalle folgori, maculati da lupe, da fumiggini, spansi o attorti con spasimo in se stessi.

Sale, sale pel cielo il turbine di lucciole, lo zingo fantasmatico, sale e suscita maree, turbamenti, lieviti, tristizie – se lento il progredire e inesorabile riduce la fiducia, incrina la quiete, sospinge alle discese scivolose, agli spenti catoi melanconici, l’estremo che s’involge, il colmo che trabocca, il pieno che tramuta in decrescenza sprofonda nel terrore, annega nell’angoscia.

(Nottetempo, casa per casa)

*
brani scelti da Claudio Masetta Milone